BLOG
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
E' il nostro giornale di bordo,
un diario pi¨ o meno aggiornato di ci˛ che ruota attorno al nostro lavoro
e ci permette di confrontarci con chi ha interesse per le tematiche affrontate.
Usatelo per i vostri commenti, anche per un giudizio
sul nostro lavoro se siete venuti a visitarci.
Ovviamente i commenti che non ci piacciono li cestiniamo...
 
 
 
 
?E io il formaggio lo vendo ai maiali?

1? ottobre 2004 - Due produttori cecoslovacchi di formaggi caprini hanno recentemente messo in atto un?originale forma di protesta contro l?applicazione delle leggi comunitarie in materia di igiene.
Petr Hajek e Pavel Stepanek, questi i loro nomi, hanno ?declassato? la loro produzione a ?cibo per animali?, pur di continuare a venderla.
?Possediamo trenta capre?, spiega Petr Hajek, ?e la nostra produzione ? di appena tre o quattro chili di formaggio al giorno; continuiamo a produrre quello che i nostri avi hanno sempre prodotto, con le stesse attenzioni e nello stesso identico modo, senza che i nostri clienti abbiano mai avuto nulla da ridire . Quel che ? sempre andato bene per sei generazioni ora non va pi? bene, e noi non possiamo affrontare una spesa di quasi centomila Euro per metterci a norme?.
Petr e la sua famiglia (moglie e un figlio) ricava dalla produzione di formaggi circa 140 euro a settimana e per pagare l?adeguamento del caseificio dovrebbe lavorare quattordici anni. ?? impensabile che noi si possa affrontare una simile spesa ed ? inaccettabile che si debba perdere una fonte di reddito importante. Queste normative aiutano i grandi produttori e favoriscono la globalizzazione, e noi vogliamo protestare contro questa logica?.
E cos? fuori dalla fattoria di Petr ? comparso un cartello che dice ?Formaggi per alimentazione animale?. Gli ispettori, indispettiti, fermano gli acquirenti, e tra di loro nessuno ammette ? ovviamente ? di consumare il formaggio ?fuorilegge?. Un pensionato, che di animali non ne possiede, ha avuto l?ardire di dichiarare che il formaggio fosse per il cane del vicino di casa.
Speriamo che la protesta di Petr e di Pavel arrivi presto a Bruxelles, e speriamo che i pi? alti vertici della Commissione sappiano operare in ragione del cosiddetto ?Pacchetto Igiene?, la nuova normativa che finalmente prevede un maggior rispetto delle produzioni tradizionali e che verr? applicata a partire dal 2006.
Speriamo che nel frattempo l?, com?? accaduto da noi e altrove in passato, i ?controllori? che si ?limitano ad applicare la legge? non facciano ancora danni.
Leggi i commenti   Invia un commento
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
agriturismo gulliver
vendrogno - valsassina (lecco)
tel. 0341.870307 - 348.5235003
p.i. 01990260133
info@agriturismogulliver.com
   
  Smartware